La fiaba (mappa concettuale)

la20fiaba-lui1

Annunci

In taberna quando sumus

In taberna quando sumus – coro (tenori e bassi)
Quando siamo all’osteria
In taberna quando sumus, non curamus quid sit humus, sed ad ludum properamus, cui semper insudamus.
Quid agatur in taberna, ubi nummus est pincerna, hoc est opus ut queratur, sic quid loquar, audiatur. Quidam
ludunt, quidam bibunt, quidam indiscrete vivunt. sed in ludo qui morantur, ex his quidam denudantur,
quidam ibi vestiuntur, quidam saccis induuntur. Ibi nullus timet mortem, sed pro Baccho mittunt sortem:
Primo pro nummata vini,ex hac bibunt libertini; semel bibunt pro captivis, post haec bibunt ter pro vivis,
quater pro Christianis cunctis, quinquies pro fidelibus defunctis, sexies pro sororibus vanis, septies pro
militibus silvanis, octies pro fratribus perversis, nonies pro monachis dispersis, decies pro navigantibus,
undecies pro discordantibus, duodecies pro penitentibus, tredecies pro iter agentibus. Tam pro papa quam pro
lege bibunt omnes sine lege. Bibit hera, bibit herus, bibit miles, bibit clerus, bibit ille, bibit illa, bibit servus
cum ancilla, bibit velox, bibit piger, bibit albus, bibit niger, bibit constans, bibit vagus, bibit rudis, bibit
magus, bibit pauper et egrotus, bibit exul et ignotus, bibit puer, bibit canus, bibit presul et decanus, bibit
soror, bibit frater, bibit anus, bibit mater, bibit iste, bibit ille, bibunt centum, bibunt mille: Parum sexcente
nummate durant, cum immoderate bibunt omnes sine meta. Quamvis bibani mente leta, sic nos rodunt omnes
gentes, et sic erimus egentes. Qui nos rodunt confundantur et cum iustis non scribantur. Io io io io io io !!

 

 

(trad.: Quando siamo all’osteria che c’importa se siam cenere, noi ci buttiamo al gioco che non ci dà mai
tregua. Che si fa all’osteria, dove danaro fa il coppiere, è ben giusto chiederlo; ve lo dirò, ascoltate. Chi
gioca, chi beve, chi si dà ai bagordi. Fra chi si accanisce al gioco c’è chi si spoglia, c’è chi si riveste, c’è chi
si ricopre di sacco: qui nessuno teme la morte, noi gettiamo i dadi per Bacco: Prima i viziosi bevono per il
soldo del vino, una volta bevono per i carcerati,dopo bevono tre volte per i vivi, quattro per tutti i cristiani,
cinque per i fedeli defunti, sei per le buone donne, sette per i grassatori, otto per i frati pervertiti, nove per i
monaci scappati, dieci per i naviganti, undici per i litiganti, dodici per i penitenti, tredici per i viaggiatori.
Per il papa o per il re bevon tutti senza limiti. Beve la dama, beve il signore, beve il soldato, beve il chierico,
beve quello, beve quella, beve il servo con l’ancella, beve il lesto beve il pigro, beve il bianco, beve il negro,
beve il costante, beve il vano, beve il rozzo, beve il dotto,beve il povero e il malato, beve l’esule e lo
sconosciuto,beve il ragazzo beve il canuto, beve il vescovo e il decano,beve la suora, beve il frate,beve la
nonna,beve la madre, beve questa, beve quello, bevon cento, bevon mille. Poco duran seicento denari, se
bevon tutti alla grande senza limiti. Pur se bevon a mente lieta, ci fan tutti torto, siamo così poveracci! Chi
ci sprezza sia confuso, e fra i giusti non sia scritto.)