Tutti ( o quasi) al mare

Esercizio di espansione del testo espositivo.
TUTTI (O QUASI) AL MARE

Andare al mare era uno svago  di lusso nell’ ‘800.
Nel 1843  a Civitavecchia fu costruito il primo stabilimento balneare con sale da ballo, ristorante, pista pattini, teatro e 14 appartamenti molto lussuosi.
Altri stabilimenti sorsero al Lido di Venezia, a Ostia e a Capri. Questo fu un periodo d’oro delle spiagge famose.
Questa moda, però, era  riservata ai ricchi fino a metà del ‘900: e alle persone famose, principi di casa reale, attori e attrici.
Benito Mussolini faceva il bagno a Riccione e usava foto in costume per la propaganda della sua forza. Addirittura furono organizzate le serate di caffè-concerto nei bagni.
È diventato poi svago di massa, caratterizzato da una folla immensa di bagnanti su tutte coste, sedie a sdraio e ombrelloni: mamme che chiacchierava all’ombra, mentre i figli costruivano  castelli di sabbia e piste con palline di vetro, organizzando finte corse di automobili. L’unico divieto era il gioco del pallone. Fu un fenomeno sociale molto importante, testimoniato anche da alcuni  film dell’epoca, ambientati sulle spiagge.
Cominciò l’affitto di barche e “sandolini”; cominciarono ad apparire venditori ambulanti cinesi e neri di collanine colorate e braccialetti. I  ricchi spesso andavano a pranzo al ristorante dei bagni.
La rigida proibizione di bagno dopo il pasto era la regola. Dopo la seconda guerra mondiale apparvero i  due pezzi e c’è chi pensò di dare delle multe! I Bagnini erano la vera autorità delle spiagge e la bandiera rossa proibiva i bagni per mare mosso.
Non ancora in voga l’ attrezzatura per attività sub, ci si limitava a  nuotate fino a piattaforma o alla boa a qualche decina di metri da spiaggia. Insomma vi era poca attività fisica e molta pigrizia.
Negli anni Sessanta molte più persone  andavano in utilitaria (1) al mare anche per la sola domenica.
 1 Venivano chiamate così le automobili di prezzo contenuto, che potevano essere comperate, magari a rate, anche da persone con redditi non molto alti, e che erano sufficientemente comode e ampie per farci veri e propri viaggi in famiglia e con bagaglio appresso.  (Alberto)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...