Nota piacevole.”Biancogrigionero” e gli USA.

Scopro con piacere che quasi metà del traffico sul sito proviene dagli Stati Uniti. Ovviamente parte dei contatti sono dovuti ai server Google, ma ad occhio direi che non pochi da oltreoceano stanno seguendo “Biancogrigionero”. Non so chi siano: studenti? docenti? cultori della lingua italiana?

Nato prevalentemente come punto di appoggio per il lavoro didattico del “professore fantasma” ossia io, il sito sta diventando qualcos’altro.

Il fantasmatico docente che si occupa di inserire di tanto in tanto materiale per la scuola se ne compiace…senza fini di lucro, sia chiaro.

Annunci

Esclusione-Segregazione-Integrazione-Inclusione

integrazione

Dal sito Intolleranza,

cura

LE TAPPE DELL’INTOLLERANZA

1. Non pari opportunità. Coloro che appartengono a una cultura discriminata possono apparentemente vivere come gli altri ma è difficile che possano occupare posti di responsabilità. Possono talora essere discriminati perché non hanno la cultura sufficiente per fare un certo lavoro, ma in quel caso le pari opportunità sono state negate prima, quando (per un motivo o per l’altro) queste persone non hanno potuto frequentare le stesse scuole degli altri.

2. Ghettizzazione. Le persone sono discriminate territorialmente. La parola ghetto nasce per indicare certe zone delle città antiche in cui gli ebrei erano obbligati a risiedere. Ma anche nelle grandi città moderne, e anche in paesi democratici, esistono dei ghetti, che non sono stati definiti come tali dalla legge ma lo sono di fatto. Lo sono per ragioni economiche, perché gli appartenenti al gruppo discriminato sono più poveri e solo in una certa zona della città, con edifici vecchi e fatiscenti, è possibile trovare alloggio a poco prezzo. Fare discutere i ragazzi se nel loro territorio esistano ghetti “di fatto” (come favelas, villas miserias, quartieri per immigrati, eccetera).

3. Apartheid istituzionalizzato. I membri di un gruppo emarginato debbono per legge risiedere in certe zone, non possono accedere a certe cariche, frequentare certe scuole, entrare in certi luoghi pubblici. Discutere se nel proprio territorio esistano casi analoghi.

4. Deportazione: I membri del gruppo emarginato vengono obbligati con la forza ad abbandonare i luoghi in cui risiedono e o vengono spinti verso altri paesi lontani oppure rinchiusi in campi di concentramento.

5. Sterminio. Attraverso azioni di guerra o di guerriglia (a esempio attentati) si cerca di uccidere il più alto numero possibile di appartenenti al gruppo discriminato in modo di favorirne l’estinzione e togliergli in ogni caso autonomia.

  1. Genocidio. Con metodi quasi scientifici si cerca metodicamente di eliminare tutti i membri del gruppo discriminato, come i nazisti cercarono di fare con gli ebrei, con gli zingari, e con gli omosessuali.

ONOMATOPEE ( IN FRANCESE)- CHARLES TRENET

La pendule fait tic tac tic tac
Il tempo passa tic ta tic tac
Les oiseaux du lac font pic pic pic pic
Gli uccelli del lago fanno pic pic pic pic
Glou glou glou font tous les dindons
Glu glu glu fanno tutti i i tacchini
Et la jolie cloche ding din don
E la bella campana ding din don
Mais …
Ma …

Boum
Boum
Quand notre cœur fait Boum
Quando il nostro cuore fa Boum
Tout avec lui dit Boum
Tutto con lui dice Boum
Et c’est l’amour qui s’éveille.
Ed è l’amore che si risveglia.
Boum
Boum
Il chante “love in bloom”
Canta “love in bloom”
Au rythme de ce Boum
Al ritmo di questo Boom
Qui redit Boum à l’oreille
Che ribadisce il Boom all’orecchio

Tout a changé depuis hier
Tutto è cambiato da ieri
Et la rue a des yeux qui regardent aux fenêtres
E la strada ha gli occhi che guardano dalle finestre
Y a du lilas et y a des mains tendues
Sono lilla e sono mani tese
Sur la mer le soleil va paraître
Sul mare il sole appare

Boum
Boum
L’astre du jour fait Boum
La stella del del giorno fa Boum
Tout avec lui dit Boum
Tutto con lui dice Boum
Quand notre cœur fait Boum Boum
Quando il nostro cuore fa Boom Boom

Le vent dans les bois fait hou hou hou
Il vento nel bosco fa hou hou hou
La biche aux abois fait mê mê mê
Il cervo a bada fa me me me
La vaisselle cassée fait cric crin crac
Rotto stoviglie rotte fanno crin crin crac
Et les pieds mouillés font flic flic flac
E i piedi bagnati fanno flic flic flac
Mais…
Ma …

Boum
Boum
Quand notre cœur fait Boum
Quando il nostro cuore fa Boum
Tout avec lui dit Boum
Tutto con lui dice Boum
L’oiseau dit Boum, c’est l’orage
L’uccello dice Boum così è la tempesta
Boum
Boum
L’éclair qui lui fait boum
Il lampo gli fa boom di
Et le bon Dieu dit Boum
E il buon Dio dice Boum
Dans son fauteuil de nuages.
Sulla sedia nuvole.

Car mon amour est plus vif que l’éclair
Perché il mio amore è più luminoso di un fulmine
Plus léger qu’un oiseau qu’une abeille
Più leggero di un uccello e di un’ape
Et s’il fait Boum s’il se met en colère
E se fa Boum se si arrabbia
Il entraîne avec lui des merveilles.
Egli trascina meraviglie.

Boum
Boum
Le monde entier fait Boum
il mondo intero fa Boum
Tout l’univers fait Boum
Tutto l’ universo fa Boum
Parc’que mon cœur fait Boum Boum
Perchè il mio cuore fa Boom Boom
Boum
Boum
Je n’entends que Boum Boum
Non riesco a sentire che che Boom Boom
Ça fait toujours Boum Boum
Ha sempre fatto Boum Boum
Boum Boum Boum…
Boum Boum Boum …

 

Traduzione: http://testi-canzoni.com/canzone/mostrare/300864/charles-trenet/testo-e-traduzione-boum/

Il trionfo di Bacco e Arianna

 Il trionfo di Bacco e Arianna

Quant’è bella giovinezza,
che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Quest’è Bacco e Arianna,
belli, e l’un dell’altro ardenti:
perchè ‘l tempo fugge e inganna,
sempre insieme stan contenti.
Queste ninfe ed altre genti
sono allegre tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Questi lieti satiretti,
delle ninfe innamorati,
per caverne e per boschetti
han lor posto cento agguati;
or, da Bacco riscaldati,
ballon, salton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Queste ninfe anche hanno caro
da lor essere ingannate:
non può fare a Amor riparo
se non gente rozze e ingrate:
ora, insieme mescolate,
suonon, canton tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Questa soma, che vien drieto
sopra l’asino, è Sileno:
così vecchio, è ebbro e lieto,
se non può star ritto, almeno
ride e gode tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Mida vien drieto a costoro:
ciò che tocca, oro diventa.
E che gioia aver tesoro,
s’altri poi non si contenta?
Che dolcezza vuoi che senta
chi ha sete tuttavia?
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Ciascun apra ben gli orecchi,
di doman nessun si paschi;
oggi siàn, giovani e vecchi,
lieti ognun, femmine e maschi;
ogni tristo pensier caschi:
facciam festa tuttavia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Donne e giovinetti amanti,
viva Bacco e viva Amore!
Ciascun suoni, balli e canti!
Arda di dolcezza il core!
Non fatica, non dolore!
Ciò c’ha esser, convien sia.
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.